Tassabili le somme percepite come interessi compensativi


La Corte di Cassazione civile (Sentenza, Sez. trib., 21/05/2007, n. 11682) ha ribadito che le somme percepite come interessi compensativi costituiscono reddito tassabile in quanto essi hanno la funzione non di reintegrare il patrimonio del creditore, ma di risarcire il mancato guadagno che il creditore avrebbe potuto realizzare avendo la disponibilità del capitale.

Si tratta, dunque, di un reddito- entrata, che non va a ripristinare un patrimonio depauperato, ma comporta un incremento di ricchezza, collegato alla redditività del capitale.

In tal modo è stato ribadito il principio già affermato dalla sentenza n. 9111 del 2002, confermando una interpretazione non suscettibile di modifiche in favore dei contribuenti
  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *