Magazzino in farmacia: come gestirlo e gli indici da analizzare


La liberalizzazione degli esercizi farmaceutici ha determinato un evoluzione nella gestione dei farmaci e nell’acquisto stesso. Le aziende farmaceutiche infatti , hanno smesso di avere rapporti quasi esclusivi con i grandi distributori e hanno sviluppato una fitta rete capillare di informatori che acquisissero contatti diretti con le farmacie, clienti finali  dei loro prodotti, ai quali oltre a concedere maggiore scontistica potevano offrire altri servizi di indubbio interesse.

Tale condizione ha fatto si che, pian piano, le farmacie iniziassero ad effettuare ordini diretti alle aziende produttrici e ordini sempre di quantitativi maggiori per giovare di condizioni economiche migliorative.

Tutto questo ha portato allo sviluppo di un comparto, quello del magazzino, che richiede da un lato spazio e dall’altra un’attenta organizzazione per far si che tutta la merce venga gestita prima della sua scadenza e che quindi non rappresenti una perdita , ma un reddito per la farmacia stessa.

Ebbene, gestire un magazzino in maniera ottimale è indispensabile per evitare di aggravare una situazione economica messa in crisi dalle recenti evoluzioni del sistema.

Continua


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *