Rapporto OsMed: più farmaci per gli italiani, sopratutto per le donne


Il Rapporto 2011 OsMed, l’osservatorio nazionale sull’impiego dei medicinali, non contiene grandi colpi di scena, i risultati erano largamente prevedibili, ma come sempre le cifre fanno riflettere. Le prescrizioni dei medicinali sono in continua crescita, specialmente per le donne. Cresce il ticket sui farmaci (+34% in un anno), e, senza sorprese, continua ad aumentare il consumo di antidepressivi. Le statistiche non lasciano dubbi: otto donne su dieci hanno avuto almeno una prescrizione nel 2011, mentre gli uomini rimangono sul 7 su 10. Dato che preoccupa sempre: l’80% dei bambini hanno avuto almeno una prescrizione nell’anno preso in esame, mentre gli anziani arrivano quasi a chiudere la percentuale sul 100%. Ovviamente i consumi variano di regione in regione, di zona in zona, di Asl in Asl, ad esempio: 1086 dosi giornaliere registrate in Sicilia rappresentano il vertice massimo, mentre il minimo è stato registrato a Bolzano con 729 dosi. Gli immigrati, che rappresentano oramai il 7,5% della popolazione, consumano meno farmaci rispetto agli italiani di nascita, ma consumano quasi lo 0,7% in più di antidiabetici. Sembra che questo ultimo dato sia dovuto al cambio di abitudini alimentari. Un solo dato scende, quello dell’aderenza alle terapie. Nel 2011 i pazienti sono stati meno “rigorosi” nel seguire le terapie rispetto all’anno precedente. Un dato che sottolinea, in un periodo di innalzamento dei consumi farmaceutici, come sia sempre più necessaria ed indispensabile la figura del farmacista all’interno della Sanità nazionale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *