Forum di Confindustria: “Non si fa politica industriale promuovendo i farmaci generici”


A Prato si è svolto il XIII Forum della piccola industria di Confindustria. Durante le giornate dedicate in prevalenza a valutare il lavoro del Governo Monti, sono arrivate tante analisi e argomentazioni pro e contro il lavoro svolto dal governo tecnico. In generale il lavoro del governo sembra piacere, ma molti fanno resistenza perché vorrebbero di più e di meglio. “Le riforme che sono state fatte non hanno assolutamente messo mano al sistema delle imprese Lavoriamo con un gap rispetto alla Germania importante su energia, fiscalità  e costo del lavoro. Le cose fatte al momento sono palliativi, che avranno poca importanza per la ripresa dei consumi interni”. Sono parole di Massimo Giacchieri, presidente della Piccola industria di Confindustria Toscana. Seppure lo stato di emergenza che il governo si è trovato ad affrontare è nella memoria di tutti, la polemica è, in alcuni casi, molto accesa: “ Più’ di mezzo milione di persone ha perso il lavoro. Migliaia di imprese hanno chiuso. Peggio di noi hanno fatto solo Irlanda e Grecia”. Questa è una sintetica e terribile analisi di Giorgio Squinzi, Presidente di Confindustria ed ex presidente di Federchimica, che si è lanciato anche in una dichiarazione molto forte sulla questione farmaceutica: “Non si fa politica industriale promuovendo i farmaci generici a danno di chi investe nella ricerca e innovazione o aumentando il contenuto di frutta nelle bibite. Non e’ questa la visione di politica industriale che abbiamo noi”. Bisogna dire che nel Forum svoltosi a Prato non è certamente mancata la chiarezza. Molto apprezzate le lucide parole di Fausto Acquino, presidente di Confindustria Assafrica e Mediterraneo: “Avevamo bisogno di un momento di certezza all’interno delle decisioni che il governo prendeva, certezza che poteva venire solo da un governo che fosse libero e scevro da legami e compromessi con la politica e avesse la possibilità  di attuare le misure più  consone ai momenti distonici di un’economia che sembra non voler riprendere a volare. Le aspettative non sono state esaudite al 100%, ma e’ difficile che da liberisti quali siamo ci possiamo aspettare che la fase 2 della crescita possa arrivare per decreto governativo. Semmai, dobbiamo fare in modo che la politica, se non altro, non crei ostacoli. E forse in questo momento non li sta creando”. Le vere valutazioni sull’operato di questo governo le si potranno fare solo tra qualche anno, ma nel ramo farmaceutico e della sanità in generale, la tensione è altissima. Corrado Passera, Ministro dello Sviluppo, è intervenuto al Forum facendo una dichiarazione che rivendica alcuni meriti del governo di cui fa parte, anche se è sembrata una rivendicazione etico-filosofica più che una rivendicazione di azioni e di progetto: “Ci vuole molta dignità, parte della politica questa l’aveva persa. C’è uno spazio per fare politica con grande dignità , con la rabbia per le cose non fatte e la passione per rimetterle a posto. Bisogna rispondere alla grande paura di 50 milioni di famiglie per il futuro”. Sembra già campagna elettorale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *