Decreto Balduzzi: è legge con 181 si, 43 no e 23 astenuti


decreto balduzzi

IL DECRETO BALDUZZI DIVENTA LEGGE

181 si, 43 no, 23 astenuti. Dopo aver trascorso mesi, nel seguire l’iter parlamentare, dalla proposta di legge all’approvazione finale nell’Aula di Palazzo Madama, oggi possiamo dire che, il decreto balduzzi legge 13 Settembre 2012, n°158 “Disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute”, ha raggiunto i suoi obiettivi. L’approvazione alla Camera di due settimane fa e l’approvazione del Senato, senza nessuna modifica rispetto al testo della Camera, preparano definitivamente il decreto ad essere investito del titolo di legge dello Stato. Le polemiche non mancano, sopratutto sull’accelerazione che il decreto ha subito in Senato: in due settimane, con un colpo di mano, senza fare modifiche è stato votato a larga maggioranza. Ci si aspettava una discussione, delle modifiche e una terza rilettura da parte della Camera dei Deputati. Niente di tutto ciò; il decreto balduzzi con la spinta del Governo ha attraversato il Senato in men che non si dica è arrivato al voto. In Aula gli interventi e le risposte del Ministro sono stati più che altro incentrati sul certificare la bontà del decreto con già l’aggiunta “si poteva fare di più ma…” Una aggiunta che odoro molto di ipocrisia. Una piccola polemica è nata tra il Ministro della Salute Renato Balduzzi ed alcuni componenti della dodicesima Commissione parlamentare, Affari Sociali, che, secondo quanto riportato dal Ministro, avrebbero tenuto in Aula un tono diverso dal solito, facendo dichiarazioni non coerenti con i concetti espressi durante i lavori in Commissione. Non avendo apportato modifiche, i nostri lettori conoscono già il testo approvato in Senato, ma vi mettiamo a disposizione copia del testo da poter “scaricare” sul vostro computer qui. Vi mettiamo inoltre a disposizione le dichiarazioni del Senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, e l’intervento del Ministro Balduzzi prima della votazione, in questo video.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=CevQHlSyTvM]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *