Premio Galeno a terapia contro sclerosi multipla


Il Fingolimod, la prima terapia orale per il trattamento della sclerosi multipla, è stato scelto come “farmaco innovativo dell’anno” dal Premio Galeno, riconoscimento considerato il ‘Nobel’ italiano dei farmaci. Con questa assegnazione, la giuria ha voluto “confermare il valore e l’innovatività di una terapia che sta migliorando la vita di molti pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente”. “Fingolimod è un’innovazione terapeutica importante – ha detto Giorgio Racagni, direttore del Centro di Studio e Ricerca di Farmacologia dell’università di Milano e membro della giuria – si tratta del primo farmaco a somministrazione orale, quando fino a ieri i pazienti con sclerosi multipla erano costretti ad assumere terapie iniettive. La nostra scelta si è incentrata su fingolimod perché è in grado di combinare il valore della somministrazione orale con un meccanismo di azione unico e innovativo che lo differenzia dagli altri farmaci per questa patologia”. In particolare, questo farmaco “agisce sui recettori localizzati sui linfociti e ne determina un sequestro selettivo e reversibile nei linfonodi, riducendo quindi l’attacco autoimmunitario alla mielina. Inoltre ha un potenziale effetto sul sistema nervoso centrale, favorendo i meccanismi di riparazione dei neuroni”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *