EVENTO – Incontro a Napoli sul Concorso Straordinario


4.1.0.13_concorso_farmacie

ATTENZIONE: Ultimi 3 posti rimasti per Confermare chiamare al 081/19810650

Per chi ha già confermato appuntamento fissato per  Domenica 20 Gennaio 2013, alle Ore 9.30 presso:

Studio Farmadata Srl
Centro direzionale isola G1 – Palazzo Farmacia Carraturo
Scala D – Terzo piano 
Cap 80143 
Napoli 

La Mattina del giorno 20 Gennaio 2013, si terrà presso il Centro Direzionale di Napoli, un’incontro per discutere sul Concorso Straordinario.

Parteciperanno all’evento:
Il Dott. Attilio Mediatore e il Prof. Carlo Ranaudo

L’incontro è riservato ad un numero limitato di Farmacisti (Solo 30 posti), quindi vi invito a confermare la vostra presenza, via email: redazione@wdaily.eu , telefonicamente o lasciando un commento con i vostri riferimenti su questo articolo.

Saluti
Felice Guerriero

————-

ATTENZIONE: Iscrizioni chiuse appuntamento fissato per  Domenica 20 Gennaio 2013, alle Ore 9.30 presso:

Studio Farmadata Srl
Centro direzionale isola G1 – Palazzo Farmacia Carraturo
Scala D – Terzo piano
Cap 80143
Napoli 


0 risposte a “EVENTO – Incontro a Napoli sul Concorso Straordinario”

  1. Sono una farmacista calabrese e vi contatto perche’ vorrei confermare la mia partecipazione all’incontro che si terra’ a Napoli il 20/01/2013 sul concorso straordinario farmacie.
    Aspetto vostra gentile conferma

  2. sono una farmacista di nola;volevo partecipare all’evento ma non ho prenotato,è ancora possibile parteciparci?
    cordiali saluti
    Giulia Marotta

  3. Buonasera Signori . Al giorno d’oggi che ci sia qualche Professore che ci dica le cose come stanno (o come le vedono) è un fatto positivo : prima di tutto perchè la cosa e’ gratutita , poi perchè a domanda risposta ed infine perche’ anche i Professori alla fine dimostrano a mio parere , di essere persone normali e disponibili per affezione e rispetto della loro/nostra professione con i colleghi tutti .

    Forse quello che mancava un po’ era un po di dialogo sincero e non mediato da terzi ( e qui sta la novita’ , ma anche il problem ) che oggi a quanto traspare dal sito c’è o almeno c’è un poco di piu .
    Ma anche qui c’è ancora confusione : se una associazione di partecipanti “A” fatta dal socio x + y , vince in una regione ed un’altra “B” fatta dal soci x + z (che pero’ condivide il mendesimo socio x della prima ) , vince in un altra regione, il socio comune x delle due associazioni A e B , puo’ avere la multititolarieta ? o comunque essere titolare in A e socio in qualche forma in B ? . Penso di si !, infatti il concorso non obbligava ne “A” e ne “B” ad essere societa’ identiche come partecipanti ( impediva semmai di ripresentare la medesima domanda due volte in una sola regione ).
    Ma tornando al contingente . Si legge che le le Sedi verranno assegnate sperabilmente presto o megio che presto ci saranno graduatorie di merito “sfalasate per giunta” ( e ovviamente impugnabili ) , si legge che provabilmente fioccheranno ricorsi ( e ne basta uno per bloccare la baracca ) , considerato che poi i futuri Titolari non sono rappresentati ad oggi da qualsivoglia associazione che si fara’ carico del problema , considerato poi che non e’ neppure detto che sia competenza degli Ordini professionali dedicarsi a sbrigare la matassa ( ma di cio’ non ne sarei certo pero’ ) o almeno a stimolarne lo scioglimento …cosa succedera’ ? . Spero che nel convego/i prossimo si mandi un messaggio di “doverosa sollecitudine al Ministero” perchè affronti i nodi cruciali di codesto concorso nei vari spunti sensati di riflessione e/o dubbio .
    Non ultimo il fatto che viene ad oggi voglia di votare il “Partito dei Magistrati” ( se ve ne’ uno chiaro almeno perchè non si capisce ) poiche’ oltre alle storie di grane di fotografi fuggiaschi o gonnelle o fabbriche ( argomento per altro delicatissimo e forse l’unico con priorita’ assoluta su tutto ) da chiudere o riaprire (e senza offesa per nessuno , ma solo per quel che per ora almeno, tiene piu’ spazio sulle TV e sulle riviste ) possa avere anche la “forza/volonta’” di pensare anche a noi poveretti solitamente dipendenti , ma con volonta’ di fare e migliorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *