Farmacie Toscane verso la protesta contro la diretta


toscanaFarmacie toscane sul piede di guerra dopo l’annuncio della Regione di un prossimo incremento della distribuzione diretta nel quadro di una più ampia riorganizzazione del servizio sanitario locale. Ieri Federfarma Toscana, riunita in consiglio, ha confermato il proprio no al piano ufficializzato a fine dicembre dell’Assessorato (che prevede per quest’anno un incremento del 20% della spesa originata dalla distribuzione diretta) e ha deciso l’avvio di un programma articolato di iniziative di protesta. «La Regione» spiega Marco Nocentini Mungai, presidente dei titolari toscani «insiste sulla sua strada nonostante lo stato di grave difficoltà in cui versano le farmacie: nel 2012 la spesa farmaceutica territoriale è calata del 12% e per questo avevamo chiesto a dicembre che l’amministrazione riducesse la distribuzione indiretta per venire incontro ai presidi. Invece, la strada che si vuole percorrere è quella esattamente opposta».
Ancora da definire calendario e contenuto della protesta, in partenza comunque in tempi abbastanza stretti: tra le ipotesi al vaglio di Federfarma, la sospensione di tutti i servizi erogati in convenzione, varie forme di sciopero bianco e così via. (AS-Filodiretto)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *