Concorso bloccato in Sicilia. Sulla graticola l’assessore regionale alla sanità – Oggi resa dei conti in giunta


Concorso straordinario bloccato in Sicilia. Sulla graticola finisce l’assessore regionale alla sanità, Lucia Borsellino.

In un articolo pubblicato su livesicilia.it, è elencata dall’autore una serie di errori che, a suo dire, avrebbero compromesso l’operato dalla rappresentante di giunta.

In particolare proprio sulla questione del concorso straordinario.

Secondo i giudici del Tar, che hanno accolto il ricorso di due esclusi, “non sembrano essere stati correttamente applicati i criteri valutativi generali”. Insomma, i punteggi si sarebbero basati su valutazione errate dell’assessorato. E non a caso, gli esclusi hanno denunciato il fatto che, con gli stessi parametri, avevano ottenuto una valutazione molto più positive in altre regioni come l’Emilia Romagna. Ma non solo. Per non andare lontano, una recente sentenza del Cga ha bloccato il recupero, già avviato dall’assessorato di Piazza Ziino, delle somme che i laboratori d’analisi e i centri convenzionati avrebbero negli anni incassato “illegittimamente” mantenendo in vita il tariffario regionale. Una sentenza che ha di poco anticipato un discusso decreto dell’assessore con il quale è stata prevista l’erogazione a quelle strutture solo dell’80 per cento del budget dell’anno precedente. Una decisione che, stando ai titolari dei laboratori, “rischia di far collassare il settore e di far perdere il lavoro a migliaia di addetti”. Un decreto del quale già in tanti chiedono il ritiro, nonostante le rassicurazioni che l’assessore avrebbe fornito in commissione Salute all’Ars. Stamattina, in assessorato, il faccia a faccia tra Lucia Borsellino e i rappresentanti dei centri convenzionati.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *