Farmaci per il diabete, in Piemonte la protesta dei pazienti: «La regione favorisce l’azienda farmaceutica»


Riduzione della spesa sanitaria in Piemonte: polemiche da parte dei pazienti. In particolar modo da coloro che sono affetti da diabete. Le ipotesi messe in campo dalla giunta presieduta da Sergio Chiamparino non hanno riscontrato il successo sperato.

Ma non solo. Una circolare dell’Asl di Alessandria raccomanda ai medici diabetologi di utilizzare la prescrizione di un solo farmaco insulina, l’Apidrà. E i pazienti sono letteralmente sul piede di guerra: la richiesta effettuata è che sia garantita la libertà prescrittiva dei medici e che venga, dunque, eliminata ogni sorta di conflitto di interessi tra istituzioni e aziende farmaceutiche.

Ezio Labaguer, presidente del Coordinamento Associazioni persone con Diabete del Piemnto e della Valle D’Aosta, insieme al vice presidente Ivan Persico fanno il punto della situazione: «L’azienda farmaceutica produttrice dell’insulina è la stessa che produce il glucometro. E’ evidente che c’è qualcosa che non quadra».

Prima di chiudere citano la circolare dell’Asl di Alessandria a firma del direttore sanitario Elide Azzan: «ricorda come i Medici Diabetologi siano ‘strettamente coinvolti nell’induzione della spesa farmaceutica convenzionata in particolare per quanto attiene ai farmaci per il diabete’ e come la loro collaborazione ‘con la Direzione per la scelta prescrittiva dei farmaci con il miglior rapporto costo/beneficio così come il ricorso alla distribuzione diretta dopo ricovero e/o visita specialistica, sono fattori di indubbia importanza per la sostenibilità del SSR’».

E sono i pazienti a dire basta manifestando la volontà di essere ascoltati e di dare voce anche ai propri medici.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *