Cosmofarma 2016, la farmacia apre una finestra sul suo futuro


Venti e tre. Sono i numeri di Cosmofarma Exhibition 2016, in programma dal 15 al 17 aprile nel capoluogo emiliano: venti, come le candeline sulla torta di compleanno che spegnerà quest’anno la manifestazione, e tre perché dalla sua nascita a oggi Cosmofarma è riuscita a triplicare affluenza e spazi. Lo hanno ricordato gli organizzatori nella conferenza stampa con cui ieri, a Milano, è stata presentata l’edizione 2016 dell’esposizione bolognese. «Dal 1997 al 2015» ha detto in apertura Duccio Campagnoli, presidente di Bolognafiere «le presenze sono passate da poco più di 11mila a quasi trentamila, mentre la superficie espositiva è cresciuta da 5 a 15mila metri quadri».

Quando Cosmofarma 2016 aprirà i battenti, poi, il ddl concorrenza avrà ormai superato le tappe decisive dell’iter parlamentare, cosa che permetterà un dibattito a tutto tondo su ricadute della legge e scenari a venire: «I due convegni politici di Federfarma e Sunifar in programma per sabato 16 aprile» ha confermato Annarosa Racca, presidente del sindacato titolari «saranno l’occasione per fare il punto sui progetti con cui il sindacato supporterà le farmacie nel nuovo contesto. Cosmofarma offre sempre nuovi utili spunti per tenere le farmacie al passo con i tempi e con l’innovazione, anche in questa ventesima edizione gli eventi in programma sono di grande attualità e i colleghi potranno trovare molteplici opportunità di aggiornamento professionale e preziose occasioni di incontro con le aziende».

Tra queste le imprese del comparto dermocosmetico, che con la sua rappresentanza di categoria – il Gruppo cosmetici in farmacia di Cosmetica Italia – è tra i partner di Cosmofarma. «Da trent’anni la farmacia è per noi uno dei canali più qualificati» ha ricordato il presidente, Stefano Fatelli «e la conferma arriva dai consumatori: per il 23% degli italiani, la motivazione che c’è dietro all’acquisto di un cosmetico in farmacia è il consiglio». E a proposito di dati, a Bologna non mancheranno le analisi e gli approfondimenti di Ims Health: «Nutraceutici, dispositivi e dermocosmetica» ha osservato Sergio Liberatore, general manager della società di ricerche «sono i segmenti che nel 2015 hanno mostrato il maggiore dinamismo e promettono parecchio anche nel 2016, Cosmofarma sarà l’occasione per fare il punto sul mercato della farmacia e sui comparti a maggiore innovazione».

Il cartellone dell’evento, in sostanza, si preannuncia ricco: dai quattro focus su dermocosmesi, alimentazione, medical devices e management della farmacia, alle tre aree workshop Spazio farmacia, Spazio innovazione e Meeting in farma; dalla Cosmofarma business conference, dove i protagonisti della distribuzione e dell’industria racconteranno le loro esperienze e le sfide imposte dalla crisi economica, all’Innovation & Research Award, dalla seconda edizione dello Start Up Village alla novità dell’Arena by Cosmofarma, tutti gli appuntamenti del programma rappresenteranno altrettante finestre aperte sulla farmacia di domani. «La nostra vocazione è quella di creare valore attraverso la condivisione del sapere» ha ricordato Dino Tavazzi, amministratore delegato di Cosmofarma e Cosmoprof «e questo sarà il tema portante dell’edizione 2016: crediamo nell’innovazione come risorsa per reggere alle sfide di oggi e di domani e crediamo nel sapere come motore di avviamento dell’innovazione». «In quest’ottica» ha concluso Giacchino Nicolosi, vicepresidente di Federfarma nazionale «avrà forte rilevanza anche il convegno che, nella cornice di Cosmofarma, metterà a confronto esperti e commercialisti della farmacia per un “check up” della salute delle imprese».

fonte: FEDERFARMA


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *