XIX congresso CReI: Reumatologia in fiore


XIX Congresso del CReI, il Collegio dei Reumatologi Italiani ospedalieri e territoriali, “La Reumatologia in fiore”. Un summit che si prefigge l’obiettivo di offrire nuove speranze concrete ai più di 5 milioni italiani che soffrono di una delle 150 patologie reumatiche conosciute. «La fioritura appartiene a questo mese e, dopo tre anni, torniamo a celebrare il nostro principale appuntamento nella stagione più incline al nuovo che sboccia – dichiara Stefano Stisi, Presidente del CReI. Viviamo tempi apparentemente scoraggianti per la Sanità, ma dobbiamo essere pronti a cogliere il meglio anche da questo periodo. Niente catastrofismi, ma una più attenta interpretazione dei fiori che il futuro farà diventare frutto. Le nuove reali opportunità, figlie della competenza dei medici e della ricerca farmacologica, per chi ha a che fare con la malattia e con il dolore». In contemporanea all’apertura dei lavori del Congresso del CReI, a Palazzo Lascaris si inaugura una nuova tappa della mostra itinerante “Malattie senza dignità”, organizzata dal Collegio dei Reumatologi Italiani e dalla sezione piemontese dell’A.Ma.R. (Associazione dei Malati Reumatici). Attraverso le 50 immagini di Roberto Murgia, reumatologo e fotoblogger, viene raccontata la vita di chi soffre di una malattia reumatica. Malattie che riguardano donne e uomini, giovani e meno giovani, che vivono una vita a metà. Oltre al dolore fisico, infatti, conoscono quello emotivo, spesso incompreso, che non di rado porta all’isolamento. «Le foto esposte, alcune offerte da amici fotografi, raccontano il quotidiano di chi deve fare i conti con una patologia reumatica. – afferma Roberto Murgia –Attraverso immagini metaforiche, utilizzando anche oggetti, ho voluto narrare gli stati d’animo, i pensieri e le emozioni che inevitabilmente toccano e segnano queste persone. Le immagini, poi, si sposano a frasi prese da opere d’arte più o meno note, creando percorsi di narrazione interiore. Tecnicamente, le fotografie sono realizzate con l’iPhone, grazie all’app HIPSTAMATIC di cui sono appassionato. Un’app, che oltre essere un mezzo di condivisione sempre più di tendenza, consente di giocare con luci ed effetti per creare scenari surreali e, a mio parere, molto poetici». All’inaugurazione della tappa torinese di “Malattie senza dignità”, che si terrà dalle 11.30 alle 12.15, sarà presente un testimonial d’eccezione: uno dei maggiori autori della Transavanguardia italiana, Nicola De Maria, che oltre a essere un’artista di fama internazionale è anche un medico.  Il CReI, unitamente all’artista, ha scelto l’opera “Il Regno dei 5 fiori” come immagine simbolo del Congresso dei reumatologi. Alla giornata di inaugurazione, saranno presenti anche il Direttore Generale AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, l’Avvocato Gian Paolo Zanetta, il Direttore Generale AO Ordine Mauriziano di Torino, Silvio Falco, il Presidente del Consiglio Regionale, Mauro Laus, l’Assessore Regionale alla Sanità, Antonio Saitta e il Presidente dell’A.Ma.R. piemontese, Ugo Viora.   La mostra sarà visitabile a Palazzo Lascaris di Via Alfieri 15, fino al 2 giugno, giorno di chiusura. E, durante tutto il periodo dell’esposizione di “Malattia senza dignità”, sarà possibile acquistare il volume con le immagini della mostra, curato dell’Editore Auxiliatrix. Il ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza, per la realizzazione di progetti assistenziali a favore dei malati reumatici. In particolare, si acquisteranno apparecchiature per la capillaroscopia, da destinare alle piccole strutture reumatologiche di periferia, per la diagnosi precoce di Sclerosi sistemica.]]>


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *